La storia della nostra casa nella prateria

Louis Miller 20-10-2023
Louis Miller

C'era una volta una casa.

Una piccola casa nella prateria.

È nato nel 1918, il sogno di un proprietario di casa, costruito per riparare una famiglia in crescita dalle dure condizioni degli altipiani.

Negli ultimi 98 anni ne ha viste di tutti i colori.

Fulmini, tempeste di neve accecanti, infestazioni di serpenti a sonagli, incendi di negozi, tornado, la bufera di neve del '49 e un vento implacabile... Oh, il vento!

Molte famiglie andarono e vennero dopo la partenza della famiglia originaria. Alcuni amarono la piccola fattoria e piantarono con cura lillà e olmi siberiani in file dietro la casa per proteggerla dai forti venti dell'ovest. Allevarono pecore e bovini e fecero la canditura delle uova nel piccolo scantinato scavato a mano. Ogni primavera si può ancora trovare un tulipano solitario che spunta dal centro del cortile dove si trova la casa.le loro aiuole un tempo.

Ma con il passare degli anni e i continui passaggi di proprietà, la tenuta cadde lentamente in disordine e cominciò a perdere il suo splendore.

Le recinzioni si sono sgretolate, gli edifici annessi hanno subito le intemperie e sono lentamente caduti a pezzi, il mulino a vento in cima al pozzo originale è stato abbattuto. Nei cortili e nei pascoli sono state scavate buche gigantesche nel tentativo di seppellire la spazzatura che si accumulava sempre di più e, durante gli anni peggiori, un piccolo cavallo ha vissuto in un'altra casa. all'interno la casa.

Il negozio e il fienile erano immersi nella spazzatura fino alla vita. C'era una lavatrice nel pascolo posteriore. Gli alberi piantati con cura riempivano il cortile posteriore di arti rotti che invecchiavano, si frantumavano e morivano. Pezzi di vestiti, tappeti e spazzatura assortita sembravano crescere dalla prateria quando il vento spingeva il terreno dalle buche riempite frettolosamente. Nessuno voleva vivere in una baracca così fatiscente, così rimase in piedi.vuoto da diversi anni. Fino a quando...

Un giorno questi pazzi sono entrati nella proprietà.

Siamo noi (molto tempo fa).

La gente ha cercato di dissuaderci dall'acquistarla, dicendoci che eravamo pazzi. E se ripenso ad alcune foto, capisco il loro punto di vista. La casa era minuscola, gli annessi erano distrutti, le linee di recinzione erano distrutte, ed era a chilometri e chilometri dal negozio di alimentari più vicino. Ma eravamo accecati dal potenziale e non potevamo sentire gli oppositori che ci sussurravano all'orecchio. Inoltre, eravamo sposi novelli con unaLa determinazione a vivere nei limiti delle nostre possibilità e del nostro budget, e la scelta di una minuscola casa di 900 metri quadrati, ha fatto sì che due ex ragazzi di città potessero permettersi di diventare gli orgogliosi proprietari di 67 acri. 67 splendidi acri.

Dal giorno in cui abbiamo apposto la nostra firma sulla linea tratteggiata, questa casa è stata per me molto più di una "casa per iniziare". Come persona che ha pregato e desiderato la vita di campagna fin dall'età di tre anni, l'acquisto di questa proprietà è stata la realizzazione di un desiderio che è così profondamente radicato in me che posso descriverlo come niente di meno che divinamente ispirato. Può sembrare strano, ma ho un legame con l'anima di questa casa.terra.

Negli ultimi 8 anni, io e il marito della prateria siamo diventati l'incarnazione del "sudore", ma è stato un lavoro d'amore. Abbiamo revisionato ogni singolo centimetro dell'abitazione. (linee di recinzione, giardini, pascoli, giardini, filari di alberi, rivestimenti, tetti, annessi, recinti...), ECCETTO la casa.

La buona notizia è che il precedente proprietario aveva sventrato l'intero interno della casetta. , La cattiva notizia è che aveva uno stile da "costruttore", per cui la casa ha purtroppo perso molto del suo carattere originale ed è diventata piuttosto insipida e poco affascinante. (ciao, rivestimento in plastica gialla...) Ma era pulita e vivibile e ha funzionato bene per un po' mentre lavoravamo ai nostri progetti esterni.

Ma poi i bambini hanno iniziato ad arrivare, la nostra attività domestica è cresciuta e la piccola casa nella prateria di 900 metri quadrati è diventata improvvisamente molto piccola.

E sapevamo che era giunto il momento di mettere a posto l'ultimo tassello della rinascita della casa centenaria. Era giunto il momento di aggiungere qualcosa.

*gulp*

La ristrutturazione è stata brutale. Potete leggere tutto sul nostro processo di pianificazione/dimostrazione/costruzione in questo post. Abbiamo eliminato diverse stanze durante il processo, quindi la nostra piccola casa è diventata ancora più piccola per un po', e ci siamo ritrovati a mangiare/vivere/scuola/relax in una sola stanza per molti, molti mesi. Più di una volta il Marito della Prateria ha dovuto convincermi a scendere dal cornicione quando ero sicura di non poter sopportare il caos per una sola volta.Ma tutte le stagioni finiscono, e alleluia, questa è finita.

Oggi è arrivato il momento della grande rivelazione, amici miei. So che molti di voi lo stavano aspettando da un po', visto che sono mesi che lancio anticipazioni su Facebook e Instagram. È completamente finito? Beh, no. (Lo sarà mai? Probabilmente no). Ma non vi farò aspettare oltre.

Quindi, senza ulteriori indugi, vi presento: la piccola casa della prateria, trascurata e dimenticata, resa nuova.

La storia della nostra casa nella prateria (in immagini)

L'esterno:

Guarda anche: Citronella: come coltivarla e utilizzarla

Uno scatto dell'estate 2008, subito dopo l'acquisto della proprietà. La sedia da campeggio in tela conferisce un tocco di classe, non trovate?

Primavera 2015: abbiamo demolito la sala da pranzo e il "ripostiglio della lavanderia" sul retro della casa e ci siamo preparati a scavare la gigantesca buca sul retro dove sarebbe stata realizzata la nuova aggiunta.

Quando abbiamo strappato il bel rivestimento giallo in plastica, abbiamo scoperto che molte delle tavole sottostanti erano marce e l'isolamento era quasi inesistente. Abbiamo quindi dovuto fare una deviazione e sostituire le tavole e installare pannelli isolanti prima di poter procedere con il nuovo rivestimento.

Ma questo è il nostro aspetto attuale:

Abbiamo ancora un piccolo pezzo di rivestimento da finire su quel lato e devo dipingere un'altra porta bianca, ma credo che sia una bella trasformazione.

Abbiamo agonizzato per mesi sulla scelta dei rivestimenti, ma alla fine abbiamo optato per un rivestimento in cedro con una cornice in acciaio. La cornice si arrugginisce naturalmente nel tempo e mi piace l'atmosfera industriale e rustica che conferisce. Inoltre non posso danneggiarla con il diserbante.

Lo stesso albero, circa 7 anni dopo (e no, qui nel Wyoming gli alberi NON crescono velocemente...).

L'interno:

Vecchia sala da pranzo/nuova lavanderia:

Questa era la nostra vecchia sala da pranzo, alias il "ripostiglio". Abbiamo aggiunto la finestra nel 2014, ma anche allora era ancora una stanza goffamente piccola. I soffitti erano corti e storti, e persino un piccolo tavolo da pranzo e un set di sedie ci stavano a malapena. Intrattenere gli ospiti era super-duper accogliente.

Per far sì che le fondamenta della nuova aggiunta si adattassero al retro della casa, abbiamo dovuto demolire completamente questa stanza, ma l'abbiamo ricostruita sull'impronta originale (sulle nuove fondamenta, con pareti e soffitti dritti...), abbiamo spostato la porta e l'abbiamo trasformata nella nuova lavanderia.

Difficile credere che sia lo stesso spazio, eh?

Ho dato un po' di matto con le aggiunte stravaganti alla lavanderia, quindi ho scritto un intero post con tutti i dettagli più succosi. Potete trovare tutto questo ( insieme al nome della mia "testa di giovenca". ) nel mio post sulla lavanderia della casa colonica.

La cucina:

Questa era la cucina subito dopo l'acquisto: armadietti in rovere di qualità, niente lavastoviglie e spazio di lavoro estremamente limitato. (A proposito, il mio stile di arredamento è cambiato notevolmente da allora... grazie al cielo).

Nel 2012 mi è venuta la folle idea di dipingere di bianco quei mobiletti da muratore (a quel punto avevamo anche installato un'isola, una lavastoviglie e spostato il lavello).

Ho amato il look bianco per un bel po' di tempo: sembrava arioso e fresco. Poi ho avuto Prairie Boy e improvvisamente i miei armadietti bianchi non erano più così bianchi ( il ragazzo è praticamente una palla ambulante di appiccicosità ), e anche gli armadietti economici cominciarono a cadere a pezzi.

Fortunatamente la cucina si trovava proprio al confine tra la casa vecchia e quella nuova, quindi doveva essere rifatta comunque. Una volta che la ristrutturazione era "asciutta", abbiamo fatto a pezzi anche la cucina. Tempi divertenti.

Come accade spesso nelle vecchie case, il pavimento della cucina era piuttosto cedevole. Così cedevole, infatti, che probabilmente non avremmo potuto posare il nuovo pavimento in legno senza grossi problemi. Fortunatamente, il Marito della Prateria è estremamente abile ed è stato in grado di sollevare la casa e di costruire un supporto aggiuntivo nell'antico scantinato sottostante. È stata un'avventura, a dir poco. Ma ora il nostro nuovo pavimento è il più livellato possibile.una casa di 98 anni.

Sono abbastanza sicura che ci sia una regola da qualche parte che dice che le case coloniche *devono* avere armadietti dipinti di bianco, ma non sono mai stata molto brava a seguire le regole, quindi ho optato per il legno di noce rustico. (in parte perché avevo già fatto la cosa bianca, e in parte perché non riuscivo più a sopportare la sporcizia...)

A proposito di stili d'arredamento, non ho idea di quale sia il mio... Se dovessi dargli un'etichetta, lo chiamerei eclettico-rustico-agricolo-vintage-western-industriale. Che ve ne pare di questa classificazione? Sebbene mi piacciano alcuni aspetti del look da cascina tutta bianca, desidero ancora molto i toni ricchi e naturali e la consistenza. Adoro il metallo arrugginito, la pelle, la pelle di mucca, il legno ricco di venature e gli elementi naturali. Per quantoAdoro guardare le case coloniche bianche su Pinterest, ma sapevo che usare tanto bianco nel mio arredamento non sarebbe stato adatto a me. Inoltre, volevo che la mia casa avesse un'atmosfera unica del Wyoming (ne parleremo tra poco).

Se non fosse stato per Prairie Husband, non avrei mai preso questo riempitore di pentole sopra i fornelli, ma sono contenta che mi abbia convinta a farlo: lo adoro. È utilissimo anche per riempire le conserve.

La mia prima scelta per il piano di lavoro era il butcher block, ma considerando quanto sono disordinata in cucina, ho deciso che sarebbe stato più saggio optare per un materiale che non richiedesse altrettanta manutenzione. Abbiamo optato per un quarzo grigio con bordo "fratturato" e per ora lo sto adorando: ha quasi un aspetto di cemento ed è super resistente.

Ho richiesto la scaffalatura aperta proprio per conservare alcuni degli ingredienti secchi e dei cibi in scatola. Non amo molto i "soprammobili", ma mi piace usare oggetti funzionali come decorazione.

Il soggiorno:

Il nostro vecchio soggiorno era penosamente scomodo ed è stato uno dei motivi principali per cui abbiamo dovuto costruire l'aggiunta. Era una scatola minuscola con una collocazione scomoda dei mobili, che rendeva quasi impossibile intrattenere gli ospiti. (Vedi le foto qui sotto) Abbiamo invece deciso di trasformarlo in un ufficio e di costruire un ampio soggiorno nell'aggiunta.

Il parquet era un must per la nostra nuova zona giorno, visto che ho avuto a che fare con la moquette per troppo tempo. Sapevamo di volere una stanza aperta con soffitti alti, molta luce naturale e posti a sedere per gli ospiti. Volevo che questa stanza in particolare avesse un look audace e vintage in stile Wyoming, e mi piace come siamo riusciti a incorporare elementi del nostro stile in alcune delle rifiniture per renderlo possibile.

Adoro in particolare il rivestimento delle finestre: abbiamo intaccato tavole di pino 2×6 con un coltello da disegno, martelli e catene, e poi le abbiamo colorate di marrone scuro. Il marito della prateria ha aggiunto i grossi bulloni neri per dare un tocco rustico in più, e il risultato è stupefacente. Niente tende per questi bambini.

Volevo un bordo più alto (per imitare quello che ho visto nelle case più vecchie), quindi abbiamo usato di nuovo il pino 2×6, ma questa volta con il bordo superiore fresato e colorato per abbinarlo alle finestre e alle porte.

Il marito della prateria ha costruito su misura le porte scorrevoli del fienile per nascondere la TV. Lo so, sono piuttosto viziata.

Abbiamo spostato la stufa a legna dal vecchio soggiorno a questa nuova stanza, ma al posto della finta pietra usata in precedenza, abbiamo rivestito il bordo della stufa con gli avanzi di acciaio della boiserie esterna e abbiamo usato delle pavimentazioni grigie per la base.

Adoro questa parete: la porta è stata recuperata dal nostro fienile quando l'abbiamo ristrutturato, la montatura di antilope proviene da una delle cacce del Marito della Prateria e la corda è una vera pelle di cavallo. reata Era il mio bisnonno. Adoro le decorazioni con una storia.

E poi c'è il mulino a vento... Se mi seguite su Instagram, probabilmente avrete già visto il mulino a vento, e probabilmente sarò per sempre conosciuta come la pazza signora del mulino a vento, ma non mi importa. È la perfezione assoluta. È stato generosamente "donato" dal mucchio di cianfrusaglie di uno dei ranch lungo la strada.

È appeso alla parete della scala che conduce al seminterrato. La metà della parete è ricoperta da un avanzo di legno frangivento che avevamo in giro nella nostra pila di rifiuti.

Il vecchio soggiorno/ufficio

Questo era il nostro minuscolo soggiorno, nel 2008 circa. ( Non è bellissima quella sedia marrone? ) La moquette aveva un aspetto decente, ma non era così bella quando l'abbiamo tirata fuori 8 anni dopo. Permettetemi di darvi un consiglio non richiesto: se state pensando di mettere la moquette nella vostra casa di campagna... no.

Non sapevo che il pavimento originale in legno duro mi aspettava sotto quel berbero maculato...

Questo è stato un giorno o due dopo la scoperta del parquet, prima della riverniciatura. Quando abbiamo tolto la moquette non era certo tutto bello e splendente, ma sapevo che sotto i graffi e la vernice secca doveva esserci qualcosa che valeva la pena salvare.

Guarda anche: Come fare l'aceto alle erbe

A quanto pare, avevo ragione.

Un viaggio in città per procurarsi una levigatrice a tamburo, una mano di mordente e due mani di sigillante dopo, eravamo in affari! Se solo questi pavimenti potessero parlare...

Non riuscivamo a trovare nessuna scrivania che ci piacesse, così il Marito della Prateria (ho già detto quanto è abile?) ha costruito una scrivania a muro su misura con assi di legno frangivento tagliate in modo grezzo: le ha piallate, unite, le ha levigate e ha passato diversi strati di olio di tungsteno fino a ottenere questo aspetto:

Piuttosto elegante, eh?

Mi piace l'aspetto industriale dei tubi, quindi i supporti sono fatti di tubi normali, verniciati di nero. E naturalmente ci sono scaffali aperti in tinta.

Ho un'attività a domicilio dal 2011 e questa è la prima volta che ho un vero e proprio ufficio.

L'arredamento e i dettagli sono ancora in corso d'opera, ma stanno venendo fuori. E mi piace non avere il mio portatile e la mia agenda in mezzo alla mia postazione di lavoro in cucina...

Nuova suite padronale

La nostra vecchia camera da letto principale era una tipica, minuscola camera da letto di una vecchia casa - niente di speciale - così abbiamo dato la nostra vecchia camera ai Bambini della prateria e abbiamo costruito una nuova suite padronale a lato del nuovo soggiorno.

È spaziosa e ariosa, il che è un grande miglioramento rispetto alla nostra altra stanza.

All'inizio volevamo inserire una doccia semplice nel bagno padronale, ma sembrava troppo moderna..... Così abbiamo scelto una piastrella effetto legno invecchiato per la vasca e la doccia. L'unico problema è stato che Prairie Husband ha dovuto costruire l'intera base e il bordo della doccia. da zero. Se avessi dovuto farlo io, ci sarebbero state delle infiltrazioni d'acqua nel seminterrato attraverso il pavimento, ma lui ha fatto un lavoro straordinario.

La piastrella di ciottoli completa l'aspetto naturale. ( Questa foto è stata scattata prima di fissare la porta di vetro). Mi fa un po' ridere il lavoro che abbiamo fatto per far sembrare che ci si faccia la doccia all'aperto dietro a un vecchio frangivento di legno, ma penso che sia favoloso 😉

Adoro l'aspetto antico dei lavelli in rame, e abbiamo anche cercato nella nostra pila di scarti vecchi pezzi di legno invecchiato per completare lo specchio, il portasciugamani e il rivestimento delle piastrelle.

Questo cespuglio di lillà si trova proprio accanto al pozzo e alla cisterna originali della fattoria; il vecchio martinetto rotto della pompa è ancora incastonato sotto i suoi rami. Ci passo accanto ogni giorno sulla strada per il fienile e ogni anno, quando fiorisce in primavera, infilo il viso tra i fiori viola, inspiro e faccio un cenno silenzioso alle generazioni di proprietari di case che hanno amato questo piccolo pezzo di terra prima di noi. ISpero che a loro piaccia quello che abbiamo fatto con questo posto.

Fonti:

  • Pavimenti in legno duro : Acacia di Tobacco Road raschiata a mano di Lumber Liquidators (questo è il legno massiccio, non il laminato).
  • Ferramenta per porte a sbarramento : artisanhardware.com
  • Fodere per cuscini con mulini a vento e Highlander scozzesi: società6.com
  • Colore principale della vernice: Bianco Westhighland di Sherwin Williams
  • Colore della vernice per ufficio: Lovely Bluff di Valspar
  • Macchie di rivestimento/porte: Jacobean di Minwax
  • Luci a sospensione per la cucina: Luce di fienile elettrica
  • Lampadario per sala da pranzo: Decorsteals.com
  • Tavolo e sedie della sala da pranzo: Magazzino americano dei mobili
  • Ventilatori da soffitto dall'aspetto industriale : Home Depot
  • Lavandino in rame martellato: Lavanderia
  • Lavandini in rame per il bagno: Lavanderia

Louis Miller

Jeremy Cruz è un blogger appassionato e un avido decoratore di case proveniente dalla pittoresca campagna del New England. Con una forte affinità per il fascino rustico, il blog di Jeremy funge da rifugio per coloro che sognano di portare la serenità della vita contadina nelle loro case. Il suo amore per il collezionismo di brocche, in particolare quelle amate da abili scalpellini come Louis Miller, è evidente attraverso i suoi accattivanti post che fondono senza sforzo l'artigianato e l'estetica della fattoria. Il profondo apprezzamento di Jeremy per la bellezza semplice ma profonda che si trova nella natura e nel fatto a mano si riflette nel suo stile di scrittura unico. Attraverso il suo blog, aspira a ispirare i lettori a creare i propri santuari, traboccanti di animali da fattoria e collezioni accuratamente curate, che evocano un senso di tranquillità e nostalgia. Con ogni post, Jeremy mira a liberare il potenziale all'interno di ogni casa, trasformando gli spazi ordinari in ritiri straordinari che celebrano la bellezza del passato abbracciando le comodità del presente.