Riscaldare con la legna nella fattoria di casa

Louis Miller 20-10-2023
Louis Miller

Sono un'amante dei fuochi ardenti.

Sono cresciuta con il riscaldamento a legna e ancora oggi, se in inverno mi trovo in una casa senza una qualche fonte di calore accanto, la mia anima si sente un po' vuota.

Quando ci siamo trasferiti nella nostra piccola casa nella prateria nel 2008, c'era solo un forno ad aria forzata e questa era una vera seccatura. Per non parlare del fatto che la casa, vecchia di 100 anni, aveva un isolamento penoso e le tende si muovevano quando soffiava il vento. Abbiamo praticamente congelato i primi quattro anni di vita qui, perché il forno non riusciva mai a tenere il passo con le brutali temperature del Wyoming, anche quando era in funzione -.esplosione.

Nel 2013 abbiamo finalmente deciso di installare una stufa a legna. La stufa affollava il nostro già piccolo soggiorno, ma non mi importava: la mia casa era calda e finalmente potevo stare accanto a un fuoco scoppiettante nelle giornate sotto zero. Così, naturalmente, quando abbiamo fatto la nostra ristrutturazione estrema della casa colonica, non c'era alcun dubbio che avremmo avuto il riscaldamento a legna nella nuova porzione della casa. Infatti, abbiamo finito per trasferircila stessa stufa dal nostro vecchio soggiorno a quello nuovo.

Ho ricevuto diverse domande sulla fattibilità del riscaldamento a legna di una casa, quindi ho pensato che oggi fosse giunto il momento di rispondere a queste domande. Non pretendo di essere un esperto in questo campo, ma sono felice di condividere le nostre esperienze se possono aiutare qualcuno nel processo decisionale. Quindi, tuffiamoci nel discorso.

Come ci riscaldiamo (quasi) esclusivamente con la legna

(Ecco il video di presentazione - continuate a scorrere se preferite la versione testuale (con foto!)).

Riscaldare a legna: perché?

Guarda anche: Zuppa di patate al forno con cottura a fuoco lento

Sarò il primo a dire che il riscaldamento a legna non è adatto a tutti: ci sono considerazioni legate alla disponibilità, alla posizione e ai costi, senza contare che si tratta di una sorta di scelta di vita. Ma ecco i motivi per cui personalmente abbiamo scelto di riscaldare la nostra casa a legna:

È economico.

Notate che non ho detto "gratis"... Riscaldare con la legna costa comunque. Tuttavia, almeno per noi, riscaldare con la legna ci fa risparmiare MOLTI soldi rispetto all'acquisto di propano, soprattutto quando i prezzi del propano aumentano. Ecco un utile articolo che mette a confronto i costi dei vari metodi di riscaldamento. Nella nostra zona, se volete una corda di legna già spaccata e pronta per l'uso, potete aspettarvi di pagare circa 150 dollari/corda.Noi preferiamo acquistare tronchi interi, il che ci permette di abbassare il prezzo a circa 100 dollari a tronco (per maggiori informazioni si veda più avanti).

È una risorsa rinnovabile.

So che alcuni dei miei lettori hanno alberi che raccolgono direttamente dalla loro terra... E se siete voi, sono estremamente invidioso. Qui nella prateria abbiamo solo pochi alberi e non li taglierei mai per ricavarne legna da ardere. Tuttavia, ci sono molti alberi uccisi dal bostrico nelle montagne vicine (a circa 1,5-2 ore di distanza) e quelli sono un'ottima fonte di legna da ardere.

È efficiente.

In realtà, questo punto dovrebbe essere accompagnato da un'avvertenza: il riscaldamento a legna può essere efficiente, a patto che si disponga della stufa giusta. I modelli più vecchi possono bruciare molto la legna e ci si ritrova a utilizzare molto combustibile in più. Tuttavia, le stufe più recenti fanno un lavoro migliore per creare il massimo calore con una quantità minima di legna.

Non dipende dall'elettricità.

Questa è stata una cosa importante per noi. Prima, quando avevamo solo il forno, avevo paura che la corrente venisse a mancare per un periodo di tempo prolungato. Se la compagnia elettrica avesse impiegato diversi giorni per risolvere il problema (cosa che è successa...) non avremmo avuto modo di riscaldare la casa e nemmeno di evitare che le tubature scoppiassero. Odiavo la sensazione di essere un bersaglio facile. Con la nostra stufa a legna, la corrente potrebbe essereE in più, in caso di necessità, potevo anche cucinare sulla stufa a legna.

Si adatta al nostro stile di vita.

Che dire, siamo drogati di stufe a legna... Adoriamo il fuoco scoppiettante e il Marito della Prateria ama anche tagliare la legna e spaccare la legna. Si adatta alla nostra filosofia di vita e il leggero inconveniente non ci disturba affatto.

E il legno?

Il mio consiglio principale è quello di utilizzare ciò che è più facilmente disponibile. Per noi, questo è il pino. Come ho detto sopra, c'è un'abbondanza di alberi uccisi dal bostrico in zona, quindi è quello che usiamo. Il pino brucia un po' più velocemente di alcuni legni più duri, ma sarebbe stupido (e praticamente impossibile) per noi procurarci qualcos'altro nella nostra zona (il nostro pino è ponderosa e lodgepole).Il marito della prateria si procura un camion di grossi tronchi, usa una motosega per tagliarli a rondelle e poi il suo spaccalegna fatto in casa, azionato dal trattore, per spaccarli in legna da ardere. Di solito è possibile farsi consegnare anche la legna da ardere già spaccata, ma ci conoscete: ci piace fare le cose nel modo più difficile. 🙂 (Ed èÈ comunque più conveniente procurarsi i tronchi più grandi).

Attualmente, stiamo prendendo in prestito una segheria mobile da un amico e stiamo sperimentando la segatura di tronchi in tavole per frangivento e altri progetti. (Perché abbiamo bisogno di più progetti...) In questo modo si ottengono molti pezzi di scarto che usiamo come legna da ardere, il che è utile perché al momento ne abbiamo una scorta infinita e quasi gratuita.

Non abbiamo un deposito coperto per la legna da ardere, quindi a volte la catasta si ricopre di neve. Qui è così secco che non ci vuole molto perché la legna si asciughi. Tuttavia, se vivete in un posto molto umido come il Pacifico nord-occidentale (dove sono cresciuta io), è probabilmente saggio avere un capanno o una sorta di riparo. Altrimenti, avrete a che fare con legna bagnata tutto il tempo, il che vi renderà estremamente tristi quando saretecongelamento e voglia di un fuoco caldo.

Di solito teniamo una grande catasta di legna spaccata vicino al nostro negozio e poi riempiamo questa "cuccetta" fatta in casa per trasportare la legna più vicino alla casa. Il marito della prateria l'ha fatta in modo che possa essere presa facilmente dal trattore, così la riempiamo nella grande catasta e poi la portiamo fino al portico sul retro. È piuttosto ingegnoso. Preferiamo non avere legna da ardere accatastata vicino alla casa, perché può essere un rischio di incendio.

È difficile mantenere un fuoco acceso?

Abbiamo optato per una stufa a legna con convertitore catalitico, che si è rivelata molto efficiente (per saperne di più sul motivo per cui abbiamo scelto questo modello, cliccate qui). La riempiamo di legna la mattina presto e poi di nuovo la sera. Se regoliamo correttamente il termostato della stufa, fa un ottimo lavoro di autoregolazione per tutto il tempo.Dato che io e il marito della prateria lavoriamo entrambi da casa, possiamo accendere il fuoco se necessario, ma onestamente non è necessario. Non ho dubbi che se uscissimo per andare al lavoro durante il giorno, la casa sarebbe ancora calda quando torniamo la sera.

E il riscaldamento di riserva?

Durante la ristrutturazione, abbiamo deciso di installare un forno a propano anche in casa, per un duplice motivo:

  1. Volevamo una fonte di calore di riserva per quando siamo in viaggio o se non possiamo tenere acceso il fuoco per un periodo di tempo prolungato.
  2. Non vogliamo danneggiare il valore di rivendita della nostra casa. Non che abbiamo intenzione di trasferirci a breve, ma sappiamo che ci sono molte persone che potrebbero non essere entusiaste di avere il riscaldamento a legna come unica opzione se dovessero mai acquistare la nostra casa.

Anche se ci affidiamo alla stufa a legna per il 98% del tempo, è rassicurante sapere di avere un'opzione di riserva in caso di necessità.

Il riscaldamento a legna è un pericolo per la sicurezza?

Può essere, suppongo, ma riteniamo che il rischio sia minimo se si prendono le dovute precauzioni. Manteniamo pulito il tubo della stufa e ci siamo assicurati che la stufa abbia le giuste distanze dalle pareti, ecc. (Abbiamo usato acciaio ondulato per il bordo della stufa e mattoni da pavimentazione per la base. E sì, prima che qualcuno mi mandi un'e-mail dicendo che non è a norma, lo è. L'abbiamo fatto ispezionare ufficialmente. Inoltre, il nostro modello di stufa è dotato di scudi termici che mantengono il retro e i lati della stufa sorprendentemente freschi).

Per quanto riguarda la presenza di bambini piccoli in casa con una stufa a legna, per noi non è mai stato un problema. Credo che gran parte di questo sia dovuto alla piattaforma che abbiamo realizzato per la stufa: la solleva abbastanza dal pavimento da non far sì che i bambini si avvicinino ad essa. Inoltre, capiscono che è calda e naturalmente ne stanno lontani, anche i più piccoli.

Cucinate con la vostra stufa a legna?

Non proprio, anche se l'ho sperimentato qualche volta. Purtroppo, per far sì che la stufa sia spesso calda per riscaldare anche solo in parte il cibo, ho dovuto accendere un fuoco ardente che ci ha fatto scappare di casa. Se fosse l'unica possibilità, la userei, ma non è progettata per questo. Mi piace però mettere l'impasto del pane in lievitazione vicino alla stufa. È piuttosto comodo.

Ci sono degli accessori indispensabili?

Guarda anche: Salsa di pomodoro veloce

Una bella scatola di legno è sempre carina: abbiamo riutilizzato questo vecchio acciarino che il marito della prateria aveva recuperato anni fa durante un lavoro edile. L'ho dipinto con la vernice al latte e se la vernice si scheggia a causa della conservazione del legno, la rende più bella.

Ci piace molto anche questo piccolo ventilatore che si trova sul retro della stufa: richiede zero elettricità e aiuta a mantenere l'aria in movimento. (Abbiamo acquistato i nostri su Amazon (link affiliato)).

E quando i venti del Wyoming ululano e la neve soffia, potete scommettere che mi troverete rannicchiata accanto al fuoco con una tazza di chai e un buon libro. 🙂

Ascoltate l'episodio #58 del podcast Old Fashioned On Purpose su questo argomento QUI.

Louis Miller

Jeremy Cruz è un blogger appassionato e un avido decoratore di case proveniente dalla pittoresca campagna del New England. Con una forte affinità per il fascino rustico, il blog di Jeremy funge da rifugio per coloro che sognano di portare la serenità della vita contadina nelle loro case. Il suo amore per il collezionismo di brocche, in particolare quelle amate da abili scalpellini come Louis Miller, è evidente attraverso i suoi accattivanti post che fondono senza sforzo l'artigianato e l'estetica della fattoria. Il profondo apprezzamento di Jeremy per la bellezza semplice ma profonda che si trova nella natura e nel fatto a mano si riflette nel suo stile di scrittura unico. Attraverso il suo blog, aspira a ispirare i lettori a creare i propri santuari, traboccanti di animali da fattoria e collezioni accuratamente curate, che evocano un senso di tranquillità e nostalgia. Con ogni post, Jeremy mira a liberare il potenziale all'interno di ogni casa, trasformando gli spazi ordinari in ritiri straordinari che celebrano la bellezza del passato abbracciando le comodità del presente.